Menu
A+ A A-

Arabi

ArabiGli Arabi di religione Islamica erano famosi per i loro piaceri sensuali e per il loro gusto per le cose belle, e in modo particolare per tutti i tipi di fragranze. Furono i primi ad utilizzare l’alcol e a ideare il processo di distillazione tuttora conosciuto. Al dissolvimento dell’impero romano, l’arte della profumeria conosce un’epoca oscura in Europa, scoraggiata anche dall'affermazione del Cristianesimo e dei suoi austeri costumi. In Medio Oriente e in Asia, al contrario, fioriscono splendide civiltà, aperte al godimento dei piaceri sensuali, tra i quali si colloca, naturalmente, l’arte della profumeria. In più, gli arabi, arditi navigatori, detengono il monopolio del commercio di aromi e spezie.

Prima le fragranze venivano utilizzate sotto forma di essenze che diventavano rapidamente rancide. L’invasione della Spagna da parte dei Mori ha portato le fragranze in Europa, è il medico persiano Avicenna a elaborare, nel X sec., il metodo della distillazione per ottenere acqua di rose dai petali della specie centifolia. Con un semplice alambicco, egli ricava una soluzione non alcolica, quindi, dal momento il Corano vietava ogni tipo di utilizzo dell’alcool. 

Sarà necessario attendere fino al 1370 per arrivare alla formula del primo profumo alcolico, l’Acqua della Regina d’Ungheria, una sorta di acquavite in cui sono distillati rosmarino, verbena e acqua di rose. Dal Medio Oriente, i Crociati portarono le spezie e i profumi degli harem, nonché i primi, deliziosi vaporizzatori con i quali aspergere abiti, accessori e ambienti domestici.

 

Contattaci

+ 39 0461 092462

Mail

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Negozio

Via Degli Orbi, 17/A
38122 Trento (TN)
Italy

Link interessanti

Eccoti alcuni link che ti potrebbero risultare interessanti

Facebook Twitter RSS